holding dei giochiE’ stata la cessione di una serie di punti vndita all’azienda fiorentina Papini Giocattoli, il tema centrale dell’ultimo incontro tra azienda Holding dei giochi Spa e sindacati, Uiltucs in testa. I punti vendita in questione derivano dalla fusione tra la stessa Holding dei Giochi e Prenatal da cui è scaturita la nuova società MFE2. Una situazione complessa che oggi riguarda la Papini giocattoli, società di Firenze nata nel 1983 che fino ad oggi ha svolto
attività di vendita di giocattoli all’ingrosso sull’intero territorio nazionale, registrand mediamente un fatturato di 3 milioni di euro e svolgendo l’attività sempre attraverso l’utilizzo di risorse proprie, vantando nessuna posizione debitoria nei confronti degli istituti di credito.   Il trasferimento del ramo d’azienda, che avverrà a partire dal 21 luglio prossimo e 41 lavoratori dipendenti transiteranno alla nuova società senza soluzione di continuità ai sensi dell’art. 2112 del Codice Civile, mantenendo invariate le condizioni economiche e normative vigenti e maturate, ivi comprese ferie, ore di permesso, eccetera. Inoltre continuerà ad essere applicato il al Ccnl Terziario, Distribuzione e Servizi, che è il contratto diriferimento anche della Papini Giocattoli spa. La società ha anche accettato di garantire la fruizione del piano ferie 2016 già presentato individualmente dai singoli lavoratori ed approvato dalla cedente. Per le altre novità contattaci: potrebbe riguardare anche te! info@uiltucstoscana.it