, ,

Esselunga Lucca, prepotenza Filcams: non vuole unità sindacale

E’ un comunicato dai toni netti, quello inviato dalla Uiltucs Toscana Nord e dalla Fisascat a tutti i dipendenti delle filiali Esselunga della provincia di Lucca. Ad emergere è un dato su tutti: l’indisponibilità e la scarsa volontà di portare avanti trattative, rapporti e azioni sindacali in modo unitario da parte della Filcams.
Ecco cosa scrivono i sindacati Uiltucs e Fisascat:
In merito all’ennesima iniziativa intrapresa unilateralmente dalla Filcams – Cgil di Lucca, le scriventi OO.SS., unitamente ai delegati di negozio, si trovano di nuovo nella condizione di non poter condividere le modalità e il metodo che viene utilizzato, in particolare in questo ultimo periodo, da questa componente sindacale.
Le scriventi segreterie, in concerto con i delegati, valutano che al momento non sussistono le condizioni necessarie per intraprendere percorsi di condivisione con Filcams – Cgil di Lucca, stante l’atteggiamento tenuto da quest’ultima che tende ad assumere decisioni in proprio con la pretesa di estenderle alle altre Organizzazioni Sindacali in un rapporto di subordinazione che sentiamo di dover decisamente rigettare.
La nostra storia e le nostre tradizioni ci impongono chiarezza nei confronti dei lavoratori e correttezza nei rapporti verso gli altri, rifiutiamo le facili manipolazioni e le verità di comodo utilizzate ad arte per i propri fini.
Una chiara esposizione sullo stato dei fatti, anche in relazione allo svolgimento degli incontri nazionali con Esselunga, unitamente alle nostre motivazioni, saranno oggetto di un giro di assemblee nei negozi organizzate da Fisascat-Cisl e UilTucs Toscana Nord allo scopo di fornire ulteriori elementi di chiarezza su una vicenda che appare invece densa di inesattezze.
Possiamo aggiungere che crediamo assolutamente nell’unità sindacale nell’interesse di tutti i lavoratori che rappresentiamo, e anche degli altri, ma solo in condizioni di pari dignità.. Pertanto auspichiamo, per quanto sia possibile, una rapida risoluzione dei problemi che hanno generato queste divergenze, allo scopo di evitare contrapposizioni fra sigle sindacali.