Grande risultato dell’organizzazione che si conferma il primo sindacato all’interno dello storico negozio di Sesto Fiorentino (FI).

E’ un risultato da applausi, quello portato a casa alle elezioni Rsu di Metro Italia dalla Uiltucs Toscana, una delle più grandi categorie della Uil che rappresenta le lavoratrici ed i lavoratori del turismo, del terziario e dei servizi.

I delegati dell’organizzazione sindacale hanno ottenuto la fiducia di 64 lavoratori su 121 votanti, mentre i candidati Filcams hanno ottenuto, complessivamente, appena 17 voti.

“Siamo molto soddisfatti – commenta il segretario generale Uiltucs Toscana Marco Conficconi – perché i lavorartori hanno premiato la serietà e la competenza, la passione e la coerenza. Ci hanno sostenuto e sono venuti in molti a votare esprimendo, con la partecipazione, il loro voto ed esercitando soprattutto un diritto fondamentale, che non è stato fermato dall’azienda nonostante le numerose attività discriminanti messe in atto nell’ultimo periodo e nonostante la fortissima pressione fatta sui lavoratori per condizionare il voto ai danni della lista Uiltucs”.

“La multinazionale tedesca non è riuscita nell’intento – spiega ancora Conficconi – di sostenere chi li potrebbe aiutare a stravolgere l’organizzazione del lavoro e non solo. Saranno i nostri 3 componenti la nuova Rsu a vigilare sul rispetto dei diritti e sulla difesa di ogni singolo lavoratore”.

Obiettivo raggiunto quindi. Ed ora la Uiltucs Toscana, forte del grandissimo risultato, auspica la nascita di un nuovo dialogo con la dirigenza Metro. “Un nuovo rapporto, più volte ricercato dalla Uiltucs – spiega Simone Bigheretti che segue la società per l’organizzazione sindacale – utile a ricercare soluzioni ai numerosi problemi segnalati dalle lavoratrici e dai lavoratori di Metro. Ora vedremo se i dirigenti della multinazionale saranno all’altezza e avranno la capacità di iniziare un nuovo, positivo, confronto con chi rappresenta davvero i lavoratori”.