Regolamento-licenza

Ove non altrimenti specificato, i contenuti pubblicati in questo sito vengono rilasciati sotto Licenza Creative Commons 2.5, pertanto tutti i testi, tranne dove espressamente vietato, sono ripubblicabili e ridistribuibili nei termini della licenza indicata. Coloro che volessero utilizzare il materiale del sito devono inviare una email di richiesta. L’articolo autorizzato dovrà necessariamente citare l’autore ed indicare la fonte (www.uiltucstoscana.it) con un collegamento ipertestuale. Le immagini riprodotte nel sito, ove non espressamente indicato sono a contenuto libero. In tutti gli altri casi l’utilizzo delle immagini provenienti da altri siti o di espressa proprietà intellettuale, verranno indicate nella didascalia attraverso un link,dei credits, o citate nell’articolo come fonte. Qualora il loro utilizzo fosse ritenuto improprio, uiltucstoscana.it si impegna, appena ricevuta segnalazione alla mail segreteria@uiltucstoscana.it a rimuoverle senza alcuna condizione. Per il materiale di terzi, laddove possibile, sono indicati la fonte e i termini di licenza: in ogni caso la navigazione nel sito equivale all’implicita accettazione del materiale proveniente da terze parti che, in caso di segnalazione per un presunto abuso, provvederemo a rimuovere in tempi rapidi.

Creative Commons License

Il sito www.uiltucstoscana.it è  sotto una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License. Ulteriori autorizzazioni che vadino al di là di questa licenza possono essere richieste al seguente indirizzo www.uiltucstoscana.it/contatti.

Tutto il materiale pubblicato all’interno di www.uiltucstoscana.it, laddove non diversamente specificato, è quindi da intendersi protetto dai diritti d’autore. A tal uopo il materiale pubblicato non può essere utilizzato né pubblicato per nessuna motivazione se non alle seguenti condizioni Licenza Creative Commons di cui al link sopra.
Le presenti condizioni di utilizzo, le informazioni e il materiale contenuti nel sito possono di tanto in tanto subire cambiamenti senza alcun preavviso.

Altri obblighi, divieti e responsabilità dei Navigatori e dei Clienti

Chiunque entri in questo sito web o lo utilizzi in qualsiasi maniera accetta senza restrizioni di essere vincolato dalle condizioni qui specificate. Se non le accetta o non intende essere vincolato dalle stesse, non può ritenersi autorizzato ad accedere, utilizzare o scaricare materiale da questo sito.

L’utente si impegna a non porre in essere, per mezzo del servizio fornito dal sito, atti diretti a violare o tentare di violare i sistemi informatici e/o la sicurezza delle reti di www.uiltucstoscana.it o di Terzi, e/o la riservatezza dei messaggi privati, o comunque atti diretti a danneggiare il copyright e l’integrità delle risorse altrui o a provocare danni diretti o indiretti a chiunque; A titolo esemplificativo ma non esaustivo tramite articoli e tutorial messi a disposizione, link, contenuti, software pirata, cracks, keygenerators, serials, attacchi informatici di ogni tipologia ivi compresi gli attacchi Dos, virus o altri componenti dannosi. Il foro di competenza per qualunque controversia è quello di Firenze.

ESCLUSIONE DI RESPONSABILITA’

Sui materiali pubblicati su questo sito, se provenienti da terzi, viene declinata ogni responsabilità, garanzie comprese. Uiltucs Toscana non garantisce una disponibilità ininterrotta o esente da errori delle funzioni presenti nei materiali, nei link, nella visualizzazione, né la correzione dei difetti o che questo sito e il server che lo rende disponibile siano privi di virus o altri componenti pericolosi.

L’utente implicitamente, navigando e scegliendo di prendere risorse e notizie da questo sito, si assume interamente e personalmente ogni responsabilitàà, costi di tutti gli interventi di assistenza, rivendicazione di terzi, riparazione o correzione necessari.

LIMITAZIONE DI RESPONSABILITA’

In nessun caso, compresa, ma senza limitazione alcuna, la negligenza, uiltucstoscana.it e chi ne gestisce contenuti e immagini sarà responsabile di qualsiasi danno speciale o consequenziale risultante dall’utilizzo o dall’incapacità di utilizzare i materiali presenti nel sito, anche nell’eventualità che questo sito o un suo collega-collaboratore autorizzato sia stato informato della possibilità di tali danni. La legge vigente potrebbe non consentire la limitazione o esclusione di responsabilità o i danni accidentali o consequenziali e pertanto la suddetta limitazione o esclusione di responsabilità potrebbe non essere applicabile per l’utente.

E’ fatto divieto all’utente di inviare (anche attraverso i commenti) contenuti spam, ingannevoli, calunniatori, ad alto contenuto erotico, diffamatori, in violazione della privacy, osceni, volgari, in violazione dei diritti di copyright, inneggianti ad attività illegali, pubblicitari o altrimenti di richieste di fondi, beni o servizi. L’utente si impegna a escludere la responsabilità di uiltucstoscana da e contro qualsiasi e tutte le rivendicazioni di terzi, le richieste, le responsabilità, i costi e le spese, comprese le spese di rappresentanza legale e quelle sostenute da Uiltucs Toscana per danni alla propria immagine causate dalla violazione ad opera dell’utente di una delle precedenti disposizioni. E’ infine vietato l’uso del logo dell’organizzazione sindacale se non correlato a notizie relative alla stessa e solo previa autorizzazione da chiedere per iscritto a segreteria@uiltucstoscana.it.

 

Ecco i comparti della funzione pubblica nelle prossime elezioni della Rsu: UILFpl UILPa UILRua UILScuola. Al voto si andrà il 3, 4 e 5 marzo.

Da un lato i sindacati che volevano certezze sul futuro dei lavoratori e delle lavoratrici. Dall’altra l’azienda che, di rassicurazioni, non ne ha date nessuna. E’ per questo che è stato proclamato lo stato d’agitazione sindacale dopo l’incontro dello scorso 2 febbraio tra i sindacati, UILTuCS in testa, e la Direzione del Gruppo “Essere Benessere” composto da EB spa (che ha chiesto al Tribunale il concordato in bianco a seguito di una istanza di fallimento), EB srl di proprietà al 100% della Holding nella quale sono confluiti, alla fine del dicembre 2014, i 179 lavoratori coinvolti dalla Essere_Benessere_0213richiesta di fallimento e EB Holding che costituisce il resto del gruppo.

E’ stata presentata la possibilità che un soggetto creditore -Alliance Boots- possa prossimamente cominciare a rifornire di merce i punti vendita di EB Srl. Questa eventualità necessita, se si concretizza, di un po’ di tempo. Nel frattempo, qualora il Tribunale autorizzasse una fideiussione, i rifornimenti potrebbero essere effettuati da Comifar.
“In questa situazione, dove regna il “condizionale”, l’Azienda – si legge in una nota – ha dichiarato che per risolvere l’ormai drammatico problema delle retribuzioni non pagate arretrate e attuali
procederà nel seguente modo: · per i lavoratori di EB SRL verranno erogati subito 500 € e a fine mese una mensilità (gennaio); · ai lavoratori di EB Holding verrà erogata nella prossima settimana la somma di 500 €”. Per tutta risposta la delegazione sindacale ha dichiarato “assolutamente insoddisfacente le quantità dedicate al rientro delle mancate retribuzioni e assolutamente ancora ipotetico il piano di rilancio dell’intero gruppo. Le ipotesi fatte di rifornimento merci riguardano a dire della Azienda esclusivamente EB srl, lasciando completamente immobile e “abbandonata” EB Holding, spingendola in caso di salvezza di EB srl, in una lenta ma inevitabile agonia”. Quel che è peggio è che “nella peggiore delle ipotesi, le prospettive indicate dalla Azienda o non si
realizzano o potrebbero essere considerate insufficienti dal tribunale (che ha dato una proroga al Gruppo fino al 3 marzo), decretando il fallimento di EB srl e la conseguente fine del Gruppo”. Inoltre Filcams-Fisascat-UILTuCS hanno chiesto di mettere organizzativamente in campo tutte le misure possibili (esempio godimento ferie arretrate) per evitare un aggravamento del disagio economico dei lavoratori che in molti casi non riescono più ad affrontare le spese di viaggio”.
Il nuovo incontro tra le parti è fissato a Roma il prossimo 27 febbraio alle 11 alla sede di Confcommercio.

C’è l’accordo: retrocessione da Pazolini a Coin entro febbraio
L’intesa riguarda anche i lavoratori dei negozi del centro commerciale I Gigli a Campi e di Livorno

Tutele invariate per i lavoratori e firma dell’accordo tra le aziende coinvolte e le organizzazioni sindacali, UilTucs in testa, per la retrocessione dei dipendenti dalla Carlo Pazolini srl al Gruppo Coin Spa.

L’intesa, sottoscritta dai sindacati UilTucs Uil, Fisascat Cisl e Filcams Cgil, è arrivata a seguito dell’incontro di questo 28 gennaio a Roma tra il Gruppo Coin, Carlo Pazolini srl e le Ooss. Gli spazi vendita nei negozi di svariate città italiane tra cui Livorno e Firenze, già a suo tempo affidati a Carlo Pazolini srl, tornano così a Coin. Questo accade seguendo quanto specificato in un altro accordo, sottoscritto a febbraio dello scorso anno, in cui venivano definiti gli scenari in caso di risoluzione del contratto di affidamento in gestione di reparto. La risoluzione c’è stata e, sotto il controllo della UilTucs, i patti sono stati rispettati.
La garanzia per i lavoratori è il mantenimento delle condizioni precedenti, mentre le spettanze maturate dagli stessi durante il lavoro con la Carlo Pazolini srl saranno liquidate dalla stessa.
Gli uffici della UilTucs Toscana sono a disposizione per ulteriori dettagli e chiarimenti.

 

Sono dedicate ai lavoratori e ai lavoratrici le nuovissime guide che trovate alla sede della UilTucs Toscana. Oltre alle indicazioni sempre utilissime su “La tua futura pensione? Dipende anche da te”, ne trovate altre due arrivate in questi giorni: “Disabilità e diritti: le agevolazioni lavorative e altro”, e “Salute e sicurezza della lavoratrice in gravidanza dopo il parto. Tutele per i genitori lavoratori”.

Chi vuole ed è interessato può passare a prenderne una copia. Vi aspettiamo qui in piazza dell’Indipendenza 28 a Firenze durante l’orario d’apertura degli uffici: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 18,30.
Le guide, lo ricordiamo, sono gratis. Per tutti. Ma soprattutto sono utili.