Articoli

, ,

Guardia giurata pagata troppo poco, Ivri condannata

Sentenza: “Inquadrare la Gpg al III livello e saldare tutte le differenze”

E’ una sentenza importante per le guardie particolari giurate, quella pronunciata pochi giorni fa dalla Corte d’Appello di Firenze che, ribaltando il primo grado condanna un istituto di vigilanza molto noto, la Ivri, a inquadrare un lavoratore al terzo livello per le mansioni svolte. Lavoratore che era stato impiegato in prevalenza con funzioni di Operatore Unico di Centrale Operativa e inquadrato però a livelli molto bassi. Con la conseguente differenza di stipendio. Ma, mentre in primo grado la guardia giurata, assistita dall’Ufficio assistenza contrattuale Uil Vigilanza armata (Uiltucs) anche tramite l’avvocato Corti, aveva visto respingere il ricorso, i giudici d’Appello hanno preso in considerazione il principio della ‘prevalenza’ con la quale esercitava quel ruolo di maggior responsabilità, anche con autonomia decisionale, e hanno accolto la domanda di ricalcolare le differenze salariali da 9 anni a questa parte. E’ un successo non da poco, quello portato a casa ancora una volta dalla Uiltucs Toscana. Una sentenza che segna un precedente che le gpg con stipendi più bassi rispetto ai loro impieghi effettivi, o svolti per la maggior parte delle ore, possono percorrere per far valere i propri diritti. “Dopo anni si è fatta chiarezza – commenta Armando Melandri, responsabile Uiltucs per l’Area di Pisa – sulla questione del riconoscimento del livello e dell’inquadramento contrattuale. E’ necessario infatti che alle responsabilità date al lavoratore corrispondano le giuste e adeguate remunerazioni. Non si può pretendere che venga ricoperto un ruolo importante pagandolo miseramente. Per questo invito tutte le Gpg a rivolgersi agli uffici della Uiltucs Toscana per le opportune verifiche. Possono fare chiarezza sulla loro situazione e potremmo valutare se è possibile percorrere questa strada e ricorrere per chiedere un inquadramento diverso”.

,

Worsp security group, 9 contratti trasformati in full time: un successo!

Nove contratti di lavoro a tempo parziale trasformati a tempo pieno e applicazione del contratto integrativo provinciale di Firenze. E’ la novità tutta positiva per i lavoratori della Worsp Security Group, l’istituto di vigilanza privata con sede legale in provincia di Livorno, un grande risultato al quale è arrivata la Uiltucs Toscana Centro dopo confronti e trattative, e grazie anche  all’apertura dell’azienda stessa.  Grande soddisfazione è stata espressa dal delegato sindacale aziendale Vincenzo Zazzeri e da Gennaro Cotugno, responsabile del settore per la Uiltucs Toscana Centro.

“Dopo un inizio con non poche incomprensioni – commenta Cotugno – finalmente nove Guardie Particolari Giurate operanti sulla provincia di Firenze hanno ottenutola trasformazione del contratto di assunzione da tempo parziale a tempo pieno e l’applicazione del contratto integrativo provinciale di Firenze”.  “Anche perché l’azienda – aggiunge – ha capito la necessità si è resa disponibile a risolvere i problemi indicati nell’immediato lanciando un messaggio per noi importantissimo: considerare i propri dipendenti persone e non numeri. Messaggio che si è tramutato in ‘fatti'”. Nel dettaglio, l’azienda ha infatti trasformato i contratti “come da noi indicato  – conclude Cotugno – e ha inquadrato di propria iniziativa i nove lavoratori al 4° livello; un livello che avrebbero, invece, maturato tra circa tre anni. Non avevo mai visto una tale iniziativa spontanea da parte di un’azienda”. E questo è  merito dei rapporti instaurati con la Uiltucs e dell’attività sindacale: se gli interlocuturi trovano un canale di comunicazione giusto, il messaggio corretto passa e il clima diventa decisamente positivo.

 

,

Annuncio choc di Securpol Group: in Toscana pronta a tagliare 99 teste

Conficconi: “Guardie non devono perdere il posto. Disposti a rapidi accordi regionali integrativi. Ma fateci vedere i conti. E stop pressioni a Gpg per accordi individuali”

vigilanzaE’ altissimo il rischio per i lavoratori, ben 99 solo in Toscana, ai quali è stato paventato lo spettro della perdita del loro posto alla Securpol Group. L’azienda infatti vorrebbe tagliare le loro teste da un giorno all’altro. E questo dopo anni e anni di lavoro ai più disparati orari, con turni massacranti e pressioni che le guardie giurate conoscono bene. Le guardie giurate colpite dalla mannaia si trovano nelle province di Arezzo, Grosseto e Livorno, aree in cui la Securpol vuole mettere in atto “licenziamenti per riduzione del personale”, come si legge nella missiva inviata alla Uiltucs Toscana, la categoria della Uil che si occupa di Turismo, Commercio e Servizi.

“I posti di lavoro vanno salvaguardati in modo tangibile”. Parola dell’organizzazione sindacale, che segue con estrema attenzione e senza sosta la vicenda, in ogni territorio, Toscana Centro, Costa e Sud, per tentare di gestire al meglio l’emergenza. “E’ una notizia che non avremmo voluto mai sentire e noi, come Uiltucs – spiega il segretario generale della Toscana Marco Conficconi –diamo piena e totale disponibilità a costruire in tempi rapidi degli accordi integrativi regionali per entrare nel merito dei costi aziendali. La disponibilità c’è. Anche di andare a vedere quale è la reale situazione e come poterla gestire al meglio per salvare i lavoratori”. Securpol Group, oltretutto, “non è attualmente in grado – fanno sapere sempre dalla Uiltucs – di agire su parte dell’istituto poiché è affittuaria del ramo di azienda da parte di un’altra società”. Questo non è un dettaglio da poco vista la delicatezza della situazione. Le cose si complicano, poi, se si aggiunge il fatto che le Gpg sono sottoposte a “minacce e pressioni continue” con la speranza di “costringere le guardie a sottoscrivere accori personali senza l’assistenza del sindacato”, vero elemento scomodo (per l’azienda) e tutelante (per i lavoratori) che si tenta di lasciare all’angolo.  Ma cosa intenda fare la Securpol non è affatto chiaro e ci sono solo i freddi numeri di questa “strage” dietro all’annuncio del licenziamento degli addetti al trasporto valori (Gpg e tecnici addetti allo smaltimento): 54 Gpg ad Arezzo, 11 a Grosseto e 29 a Livorno, oltre a 5 operatori in contazione divisi tra il capoluogo labronico e Grosseto.

,

Scandalo Securpol, in 30 rischiano il posto di lavoro

In trenta rischiano di perdere il lavoro da un giorno all’altro.
E’ la nuova e pesante la tegola che si abbatte sui lavoratori della vigilanza con una notizia choc da Securpol Group per la filiale di Livorno (che recentemente ha incorporato le ex-filiali di Pisa, Lucca e Massa). Ad annunciare il rischio sono la segretaria responsabile Uiltucs Toscana Costa Sabina Bardi e Armand Melandri, coordinatore Pisa del sindacato che si occupa di turismo, commercio e servizi. “E’ una voce ma è quasi una certezza – spiegano i segretari – e l’esubero di 30 lavoratori è spropositato rispetto agli occupati, circa 180”. E questa cifra di “teste da tagliare” è ancor più insensata se si pensa che, come informa Bardi, “a fine settembre, in un incontro con l’azienda che ha unilateralmente disdetto tutti gli accordi integrativi che riguardavano i lavoratori delle ex filiali di Pisa/Massa/Lucca, ci veniva prospettato in via informale un possibile esubero di 10/15 unità. Ci sembrava già assurda questa cifra. In soli 15 giorni triplica? Cosa accade?”.
E’ una situazione grave e molto pesante, quella che vivono i lavoratori del settore vigilanza, “che nella filiale livornese – incalza la segretaria Bardi – sono costretti anche a turni massacranti con una media di 10-12 ore giornaliere e con persone impiegate che smontano da turni notturni in diurni”. “Tutto questo – concludono Bardi e Melandri – ci appare un particolare atteggiamento di terrorismo psicologico sia nei confronti dei lavoratori che per le organizzazioni sindacali”. Così, mentre la Uiltucs resta in attesa di comunicazioni ufficiali è partita l’organizzazione di assemblee con i lavoratori, con l’invito “del comandante Angelo Menghini, fondatore e titolare della Securpol Group, personaggio molto stimato dai suoi uomini, per spiegare di persona tutta questa questione estremamente grave”.

,

Mission Group, segnali di apertura

E’ un bilancio parziale ma positivo, quello che traccia la Uiltucs a seguito dell’incontro dell’altro giorno con l’azienda di vigilanza Mission Group. Dopo aver manifestato l’intenzione di superare alcune divergenze passate l’azienda, spiega il responsabile del settore vigilanza Massimiliano La Bruna, ha “sostanzialmente aperto sull’armonizzazione contrattuale. Oggi – specifica La Bruna – abbiamo applicati di 4 tipi diversi di Ccnl: una situazione ereditata da gestioni passate”. Molti i temi toccati all’incontro, dagli orari di lavoro alle trasferte passando dall’assicurazione e arrivando alle divise. Per poi, dopo aver discusso delle elezioni rls, rappresentante dei lavoratori alla sicurezza, conclude La Bruna, “ci siamo nteso su un percorso negoziale da affrontare nell’immediato”.
Per approfondimenti e aggiornamenti potete contattarci allo 055.295063 o scriverci una mail a segreteria@uiltucstoscana.it.